lunedì 21 marzo 2016

Pasqua 2016, consigli e numeri

Pasqua 2016, incremento di consumi e di frodi: come si preparano gli italiani
A cura di Anna Zollo






Gli italiani acquistano, per il  17,6%, le uova di cioccolato  in base alle richieste dei figli, nipoti, etc e per il  18% in base alla marca, i prodotti artigianali sono acquistati per il 47% da persone con un reddito medio/alto con elevata scolarità ( 36%), questo è quanto è emerso dalla indagine svolta dalla testata www.frodialimentari.it.
La Pasqua rappresenta per l’economia nazionale un momento molto importante sia in termini di cibo che viaggi, il valore si aggira sui 4 mld di euro, nello specifico 40 milioni in cioccolato, 30 milioni in colombe, e sono 2 milioni di italiani che andranno fuori a pasqua (dati espresso spa), con un incremento del +3% sui consumi alimentari.
Le colombe e le uova di cioccolato, in questo mondo oramai globalizzato, rappresentano il vero simbolo della pasqua seguiti sicuramente dall’agnello e dai prodotti tipici della gastronomia locale (certo chi non ricorda la pastiera ma che è comunque un prodotto più di nicchia).
Il vero problema è che questi prodotti con il passar del tempo diventano sempre meno sicuri, sia in termini di qualità degli ingredienti che degli oggetti inseriti all’interno come regalo.
La crisi e la necessità sociale di dover regalare un uovo o una colomba ha portato alla massificazione dei prodotti. Nelle città, piccole o grandi che siano spuntano come funghi i temporary shop dei prodotti pasquali. Colombe semplici o più complesse con creme e similari a 1,50, senza dimenticare delle classiche 3 uova di pasqua a 5 euro, o peggio ancora agnello a 3 euro al chilo.
Il consumatore preso dalla smania dell’acquisto e dai costi a volte elevati (di alcuni di questi prodotti) senza controllare null’altro che il prezzo, acquista qualunque cosa, meglio se esteticamente interessante.
 Questo tipo di comportamento sta portando sempre più al sequestro da parte delle forze dell’ordine di generi alimentari scarsamente qualitativi e spesso poco sicuri (soprattutto per quanto riguarda l’imballaggio ed i gadget, molto spessi made in Cina e quindi poco controllati).
È notizia degli ultimi giorni il sequestro di uova e colombe effettuati sia dalla GDF che dai Nas su tutto il territorio nazionale.
                                                                                                        
Nello specifico delle uova di cioccolato la truffa più facile in cui incorrere è quello del surrogato al posto del cacao. Controllando in giro per i supermercati è stato possibile constatare come la percentuale massima di pasta di cacao o burro di cacao è del circa 50% nelle uova industriali di alta gamma.  Nelle uova trendy (tipo quelle dei calciatori, dei cartoni animati più rinomati può scendere anche al 23%), verrebbe da dire quasi che il cacao è inversamente proporzionale al prezzo ( più alto il prezzo meno la presenza di cioccolato). Altra criticità che si può riscontrare sulle uova di cioccolato (ma soprattutto la pezzatura piccola) tipo ovetti, visto anche l’anticipo della Pasqua di quest’anno, di acquistare prodotti dello scorso anno, se non di Pasqua di certo di Natale.
Per evitare problemi basta controllare la data di scadenza. Se questa è ravvicinata significa che il prodotto è vecchio e quindi potrebbe essere meno buono, anche se non dannoso alla salute
Altro punto dolente è rappresentato dalla dicitura “artigianale”, su molti prodotti anche quelli che si sa benissimo che sono di tipo industriale si rinviene la predetta parola.
Ecco di seguiti alcuni dati della indagine.
Il 41% degli  italiani ( che hanno partecipato al sondaggio) hanno affermato di verificare sulla etichetta il tipo di cioccolato usato ( e quindi si fidano di  quanto descritto dal produttore), mente il 23,5% dice di non saper  riconoscere il cioccolato vero dal surrogato.
Stesso dato infatti anche per cosa si controlla prima di acquistare un uovo di cioccolato, per il 47.1% si verifica l’etichetta e gli ingredienti, seguito dal tipo di cioccolato e dalla marca e prezzo
Il campione afferma di acquistare le uova di pasqua in base al tipo di cioccolato  41,2%, ma il dato più allarmante è quello che afferma di acquistare il prodotto in base a quanto richiesto da figli, nipoti, etc (17,6), alla marca (18%).
È interessante constatare come il luogo dove si preferisce acquistare le uova di cioccolato sia il supermarket per il 53%,  seguito dal negozio artigianale 35,3%, e solo ( tanto per dire ma poco non è) per il 7% in chioschi improvvisati al mercato o nelle strade o i cosiddetti temporary shop.
Per quanto riguarda la qualità delle Colombe di Pasqua è necessario verificare, per essere certi se è di produzione industriale o artigianale,  il luogo di produzione e di  distribuzione, il tipo di ingredienti  ( uova , latte, etc). Molto spesso capita, infatti che venga commercializzata una colomba industriale per artigianale, semplicemente cambiando incarto e mettendo la dicitura industriale.
Per quanto riguarda la carne (con buona pace degli animalisti) quello di agnello è molto usata ed apprezzata dai palati, è fondamentale quindi quando lo si acquista stare attenti a ciò che si mette a tavola. Per l’agnello verificate che sia descritto quanto stabilito dal Regolamento Ue 1337/2013.
Dal primo aprile 2015 infatti, sull’etichetta delle carni di suino, ovino, caprino e volatili in vendita, dovrà comunque essere riportata   una delle due seguenti indicazioni:
1. “Allevato in…” seguito dal nome dello Stato membro o del Paese terzo e poi “Macellato in…” (seguito dal nome dello Stato membro o del Paese terzo, oppure si può indicare 
2. “Origine…” seguito dal nome dello Stato membro o del Paese terzo ma solo se l’animale è nato, allevato e macellato in un unico Stato membro o Paese terzo.
Il regolamento - precisa la Coldiretti - prevede delle specifiche casistiche sui tempi di permanenza in un determinato Paese e di peso raggiunto dall’animale, per poter indicare in etichetta qual è il luogo di allevamento e di macellazione. 







Il decalogo su come orientarsi a Pasqua

1.       Verificate che per i giocattoli vi sia la marca CE ( per capire se il prodotto è  sicuro e non sia made in Cina provate a create un 8 unendo i punti del simbolo CE, se riuscite allora è sicuro altrimenti non dati ai bimbi potrebbero intossicarsi o strozzarsi )
2.      Verificate che il cioccolato sia di buona qualità, non sempre il prezzo vi certifica che sia cioccolato e non surrogato ( a volte il prezzo è dovuto alla marca o al personaggio del momento, molte uova di pasqua sequestrate erano di una nota squadra di calcio) controllate il tipo di cioccolato e la % usata
3.      Ricordate che anche se sulla etichetta non è inserita potrebbero esserci dei residui di nocciole nell’impasto della cioccolata e quindi creare problemi a persone con intolleranze e allergie
4.      Controllate sempre la scadenza, potrebbe capitarvi di incappare in ovetti o cioccolato dello scorso anno, e quindi aprendolo trovare la fastidiosa 
5.      Verificare, in caso di colombe pasquali il luogo di produzione, così potrete evitare di acquistare prodotti non artigianali
6.      Verificate quando acquistate la carne di agnello se è presente l’etichetta e se sono inserite le informazioni su “Allevato in…”“Origine…”
7.      Verificate che gli imballaggi e i prodotti siano integri, il cioccolato potrebbe essere stato messo vicino ad una fonte di calore e quindi perdere la sua forma e consistenza
8.      Non fatevi abbagliare dalle promozioni 3 pezzi 5 euro sono prodotti di scarsa qualità
9.      Acquistate sempre locale e soprattutto artigianale, avrete la possibilità di usare mangiare prodotti di qualità e aiutare le imprese della zona
10.  Se vi dilettate a fare leccornie in casa state attenti al tipo di uova, acquistate sempre quelle con il codice a barre che identifica la provenienza e prediligete  quelle ad allevamento a terra.