mercoledì 18 settembre 2013

“Something good” un film che farà passare la voglia di mangiare

Mi fido di te un libro che ho molto apprezzato! anche se un pò indigesto visto il tema che tratta. Dal 7 novembre grazie a Luca Barbareschi lo si potrà apprezzare anche al cinema. Un film“Something good” che farà scalpore !!! E farà accapponare la pelle a un sacco di persone, che finora hanno solo sentito parlare di frodi ma che ancora non ne avevano capito il rischio....Si parlerà di pesce radioattivo, latte adulterato...
Già dal Trailler si comprende la suspance, la complessità del fenomeno che è planetario, e non riguarda solo noi. Che è come i tentacoli di una piovra..



Il film Racconta la storia  di una giovane donna cinese il cui unico bambino muore a causa di un alimento adulterato e di un uomo occidentale privo di scrupoli che vive dall’altra parte del mondo e lavora per una multinazionale che ha sede a Hong Kong. Multinazionale dedita, fra l’altro, al traffico di cibo contraffatto. Per evitare l’arresto da parte delle autorità italiane e cinesi, Matteo – questo il suo nome – fugge dall’Italia riuscendo a salvare dal sequestro un prezioso carico di alimenti adulterati del gruppo Feng. Poche settimane dopo viene nominato responsabile del traffico internazionale  di alimenti, iniziando così la scalata al successo.
Nel fim quindi suspance ma anche intrecci amorosi fra il cattivo e la bella della pellicola