mercoledì 14 agosto 2013

Ferragosto… obbligo un pic nic nell’ottica del risparmio

La gita fuori porta in Italia si fa risalire al primo ventennio del secolo scorso, quando era di moda andare in spiaggia con un bel cesto con ogni ben di dio.  Gli esperti lo fanno risalire al primo periodo dell’epoca fascista , quando le associazioni dopolavoristiche delle varie corporazioni, centinaia di gite popolari, grazie all'istituzione dei "Treni popolari di Ferragosto", con prezzi fortemente scontati.
L'iniziativa offriva, infatti,  la possibilità anche alle classi sociali meno abbienti di visitare le città italiane o di raggiungere le località marine o montane. L'offerta era limitata ai giorni 13, 14 e 15 agosto e comprendeva le due formule della "Gita di un sol giorno", nel raggio di circa 50-100 km, e della "Gita dei tre giorni" con raggio di circa 100-200 km



 Analizzando il significato del termine Ferragosto si evince che deriva dal latino    feriae Augusti (riposo di Augusto). Fu istituita   dall'imperatore Augusto nel 18 a.C. che si aggiungeva alle esistenti e antichissime festività cadenti nello stesso mese, come i Vinalia rustica o iConsualia, per celebrare i raccolti e la fine dei principali lavori agricoli.  Egli, infatti, nel 18 d.C. decretò che l’intero mese di Agosto (che da lui prende il nome, sostituendo l’antico Sestilis, ovvero quello che era considerato il sesto mese dell’anno) fosse dedicato a varie celebrazioni, tutte volte a consacrare la fertilità dei campi.


 Uno dei riti fondamentali era quello dedicato alla dea Diana che veniva festeggiata il 13 agosto. Altre divinità cui si chiedevano i favori, allo scopo di ottenere un buon raccolto, erano: Vertumno, dio delle stagioni e della maturazione dei raccolti; Conso, dio dei campi e Opidea della fertilità, la cui festa, Opiconsiva, cadeva il 25 del mese.




Anche in una giornata di ferragosto qualche piccola idea per risparmiare riciclando gli avanzi.

La classica frittata di  maccheroni
Ingredienti
·         Bucatini/spaghetti, maltagliati  ( o altro tipo di pasta avanzata) ne serve circa 1 kg
·         Ragù del giorno prima
·         Per la base:
·         Uova
·         Burro: 20 gr
·         Parmigiano Grattugiato: 200 gr
·         Sale qb
·         Pepe qb
PREPARAZIONE
Mettere le uova in una ciotola, sbattere bene le uova aggiungendo parmigiano, sale e un pizzico di pepe.
Una volta pronta la base unitela alla pasta avanzata dal giorno prima. Mescolate con cura perchè la pasta sia ben amalgamata all’uovo. Prendere una padella grande   mettere un po  d’olio d’oliva extravergine di oliva, fatelo riscaldare e versate tutto il composto, coprite tutto  con un coperchio e lasciate cuocere per circa mezz’ora
Poi con l’aiuto del coperchio la girate e la lasciate cuocere ancora per un’altra mezz’ora.

Panino Napoletano
Ingredienti
·         50 gr di farina  
·         100 gr di latte  
·         350/400 gr di acqua circa
·         un cucchiaino di zucchero
·         15 gr di sale  
·         15 gr di lievito di birra
·         1 cucchiaio di fecola  di patate
·         30 gr di strutto
·         salame, provolone dolce e piccante, mortadella,  parmigiano grattugiato q.b.( quello che avete in frigo e che è avanzato preferibilmente cubettato  pepe q.b.uova sode 2 o 3

PREPARAZIONE
Sciogliere il lievito nel latte tiepido. Prendere una ciotola ed  inserite la farina, il latte e l'acqua   zucchero e la fecola,  aggiungere il sale. Quando l'impasto è ben impastato (circa 6/7 minuti) aggiungere lo strutto e lavorare ancora fino a formare un impasto liscio e omogeneo. Far lievitare fino al raddoppio poi stendere l'impasto su una spianatoia. Formare un rettangolo di circa 60/70 cm per 20/25 di altezza  e uno spessore di circa 1 cm. Prendere i salumi con pepe, parmigiano grattugiato, formaggio a cubetti  e uova sode, e metteteli sulla pasta.Arrotolare e tagliare a fette larghe un paio di dita. Adagiare i vari pezzi su teglie rivestite di carta forno e far lievitare nuovamente. Spennellare la superficie con un uovo sbattuto ed infornare a 200° fino a doratura.

Polpettone con fagiolini  e/o zucchine
Ingredienti
·         500 gr. di fagiolini  o zucchine ( che avete già cotti nel frigo o sono ormai molto appassiti)
·         4 patate ( avanzate dal purè del gg prima)
·         3 uova
·         parmigiano grattato
·         pane grattato ( fatto con il pane raffermo)
·         qualche fungo secco
·         1 spicchio d'aglio tritato
·         un cucchiaio di maggiorana fresca tritata
·         50 gr. di burro
·         olio
·         sale e pepe
PREPARAZIONE
Prendere le  patate lessate  e passarle con lo schiacciapatate. Spuntare, nettare i fagiolini e tritarli. (  se li avete già lessati tritateli )Mettere in una padella l'olio con il burro, unire l'aglio e la maggiorana, dopo  un po’ aggiungere   i fagiolini ( o le zucchine) e le patate. Dopo fare   insaporire, salare e pepare.
Quando il composto  è freddo, unire le uova, i funghi  e il parmigiano. Mettere il tutto in un tegame da forno unto e cosparso di pane grattato,   spolverarlo di pane grattato, mettere un filo d'olio e infornarlo a 200°C per circa mezz'ora.




Pomodori e/o peperoni imbottiti con il riso
Ingredienti
·         8 pomodori maturi ( o 4 peperoni)
·         8 cucchiai di riso
·         olio extra vergine
·         basilico
·         origano
·         pepe
·         prezzemolo tagliato finemente
PREPARAZIONE
Lavate i pomodori o i peperoni e tagliate la parte superiore  e conservarla  per farla poi diventare il cappello
Svuotate i pomodori ( peperoni) e passate la polpa col passa verdure. Condite il tutto  quindi con sale, pepe, olio, basilico e prezzemolo. Unite il riempite i pomodori col riso e chiudete con la parte superiore del pomodoro che avevate precedentemente tagliato.  Aggiungete sale e olio alle patate e infornate per circa 1 ora a 200°C.
Salame al cioccolato
Ingredienti
·         100 g di burro
·         250 g di biscotti secchi da colazione ( quelli sbriciolati e che nessuno mangia)
·         2 uova
·         100 g di zucchero
·         1 cucchiaio di rum o altro tipo di liquore secco
·         50 g di cacao amaro in polvere
·           zucchero a velo
REPARAZIONE
Prendere una  ciotola e far ammorbidire il burro a temperatura ambiente e lavorarlo bene con una forchetta fino a farlo diventare soffice, prendere i biscotti sbriciolarli ancora un poco lasciandone alcuni pezzi più grandi. In una altra ciotola sbattere le uova con una frusta ed aggiungere lo zucchero. Lavorare fino ad ottenere un composto omogeneo, quindi unire il liquore   Aggiungere infine il burro ammorbidito. Dopo aver ottenuto un impasto   omogeneo, aggiungere il cacao in polvere e mescolare accuratamente. Per ultimo unire i biscotti secchi. Portare l'impasto sulla spianatoia e dargli la forma di un salame ed arrotolarlo nella carta argentata, quando lo servite, dopo averlo tenuto in frigo,e prima di metterlo nel cestino da pic nic mettere lo zucchero a velo.