lunedì 22 luglio 2013

Illeciti di serie A e serie B: la lotta all'agromafia non conta è di serie B

Non ci potevo credere, quando ho ricevuto una mail nella quale mi veniva comunicato che gli illeciti nel settore alimentare ed agroalimentare non sono rilevanti o meglio congrui nella tutela dell'ambiente, e nel rapporto  “Legalità ed Ambiente"!
La cosa che mi ha fatto irritare è la mancanza di rispetto nei confronti di tutte quelle persone che quotidianamente combattono questa criminalità, o che sono vittime; uomini, donne, bambini, anziani persone sfruttate, persone che si ammalano perchè hanno mangiato cibo contaminato. Anche loro forse inserite nel gruppo di serie B perchè persone Normali che non fanno notizia.                        


La stessa cosa mi era stata detta la settimana scorsa , ma dopo una chiacchierata a telefono, dopo aver spiegato all'organizzatore di questo Forum   che il settore agroalimentare è uno dei settori maggiormente oggetto ad illeciti, sembrava avesse capito. Ed invece no! In una nota mi si comunica che " la Commissione, pur ritenendo di grande interesse la problematica  ha ritenuto che non vi sia modo per inserire armonicamente il tutto nel contesto del Forum".





Il mio istinto è stato quello di chiamare e dare dell'incompetente all' organizzatore, ma ripensandoci alla rabbia è subentrata compassione per "l'ignoranza" di queste persone che non hanno per nulla a cuore le sorti del loro Territorio. Che ragionano non con il cervello ma solo attraverso slogan, amicizie, stereotipi!
Se non sono in grado di comprendere l'importanza del tema, è un loro problema non mia.
E l'unica consolazione è che vi sono numerosi enti, associazioni, forze di polizia che lottano quotidianamente per sconfiggere tale problematica, non solo attraverso azioni di presidio e contrasto, ma anche attraverso campagne di comunicazione, di divulgazione oltre che di formazione.
Probabilmente gli organizzatori dell'evento non hanno mai sentito parlare dei casi di Rosarno e Castelvolturno,  delle diverse operazioni svolte negli anni dalla DNA,per citarne alcuni.
Senza contare la parte meramente economica legata all'agro-pirateria e all'italian sounding che da solo nuoce per 60/70 miliardi di euro.
Anche se per alcuni si tratta di ILLECITI DI  SERIE  B, devono essere contrastati, Non dobbiamo dimenticarci  che il cibo non sano nuoce alla salute degli essere umani e che il trinomio Agricoltura_Ambiente _Salute è imprescindibile.




e' necessario togliere lo stereotipo che danno all'ambiente è solo RIFIUTI ma  vi sono tanti altri danni da considerare di Cui l'illegalità nel comparto agroalimentare 
Concludo con le Parole del Nostro Papa emerito: Sia vostra premura  adoperarvi non solo perché le imprese agricole e i coltivatori diretti siano opportunamente tutelati, ma anche perché si attuino valide politiche sociali in favore della persona e della sua professionalità, considerando specialmente il ruolo cruciale della famiglia per l'intera società".